20-11-2013

Taller Bàsico de Arquitectura: Facoltà di medicina a Saragozza

Università, SPA, Campus, Paesaggio, Ville, attico,

Cemento,

Taller Bàsico de Arquitectura realizza il complesso architettonico della Facoltà di Medicina San Jorge a Saragozza. Tre volumi a L si dispongono a formare una piazza centrale, riproducendo uno spazio urbano fuori città. La forma e i materiali concorrono a smaterializzare l’opera, creando scorci prospettici sul paesaggio interno ed esterno.



Taller Bàsico de Arquitectura: Facoltà di medicina a Saragozza

Gli architetti spagnoli di Taller Bàsico de Arquitectura firmano il progetto della nuova facoltà di medicina nei dintorni di Saragozza, realizzato all’interno di un campus universitario in via di ultimazione. L’edificio fa parte dell’Università di San Jorge, ubicata lungo la superstrada che da Villanueva De Gàllego conduce in città. Fondamenti del design sono i materiali e la loro forma nella composizione d’insieme, finalizzati a realizzare un’architettura celebrativa della sua istituzione, ma contemporaneamente alleggerita nella sua componente materiale.

TBA, Taller Bàsico de Arquitectura, distribuisce infatti i volumi principali ospitanti le aule e i servizi intorno a una piazza che li connette. Questi costituiscono gli “interni” dell’opera, in quanto contenitori di ambienti coperti, ma anche i suoi bordi, i limiti di uno spazio urbano, fuori dell’urbe. Ignorando la tentazione di chiuderli su se stessi, disegnando una sorta di cinta muraria autoreferenziale, gli architetti hanno invece perseguito la via dell’apertura all’esterno, trasformando tali confini in un perimetro permeabile alla luce, alla vista, al passaggio.

Nella planimetria i tre blocchi a L disegnano ulteriori spazi concavi rivolti all’esterno che diventano nuove piazze pavimentate e arricchite con arredi urbani in cui sostare e incontrarsi.
La smaterializzazione dei volumi che circoscrivono lo spazio architettonico avviene infatti frammentando la struttura di cemento in lastre piane non contigue e distribuite su due livelli. La geometria della lastra, quando reiterata secondo un ritmo incostante, infonde fortissimo dinamismo alla composizione, abbattendo l’immagine monolitica d’insieme e moltiplicando scorci e invenzioni prospettiche. La visione in pianta ricorda un disegno fitomorfo, dove le foglie sono distribuite in modo da proteggere il cuore della pianta, pur garantendo il passaggio di luce e aria.

Nei punti di discontinuità tra le lastre murarie infatti si inseriscono aperture vetrate oscurabili su entrambi i livelli che portano la forte luce diurna in modo indiretto in tutte le aule. Ombra e luce accompagnano la fruizione di questo complesso di edifici, dove il cemento a vista o dipinto di bianco assume molteplici differenti sfumature cromatiche.


Locali didattici, laboratori e servizi sono distribuiti verso l’esterno dei volumi, mentre verso l’interno non presentano affaccio diretto sulla piazza per ragioni di privacy, ma sono collegate con l’esterno tramite corridoi. Tali percorsi, che fungono da contenitori di luce naturale, hanno accesso diretto alla grande piazza centrale. Il tema della prospettiva, che la planimetria descrive nei percorsi tracciati dai volumi e nello sfalsamento degli elementi murari, è centrale in quest’architettura che nasce per essere fotografata.

Mara Corradi

Progetto: Taller Bàsico de Arquitectura (Javiér Pérez-Herreras e Javier Quintana De Uña)
Collaboratori: Edurne Pérez Dìaz De Arcaya, David Santamaria Ozcoidi, Leire Zaldua Amundarain, Irene Ajubita Dìaz
Committente: Universidad San Jorge Foundation
Luogo: Villanueva De Gàllego, Saragozza (Spagna)
Progetto delle strutture: Carlos Munilla Orera, FS Estructuras
Superficie utile lorda: 7827 mq
Inizio Progetto: 2009
Fine lavori: 2012
Impresa costruttrice: San Jorge Ute
Struttura in acciaio e cemento
Pavimenti in resina autolivellante
Fotografie: © Jose Manuel Cutillas

www.tallerbasico.es


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy